Poco più di due anni fa Facebook aveva annunciato il lancio di FAN, la Facebook Audience Network, per espandere il reach delle pubblicità erogate attraverso la sua piattaforma. Da allora è stato possibile raggiungere non solo gli utenti Facebook, ma anche erogare pubblicità mirata agli utenti di alcuni siti mobile e app.

Oggi Facebook, dopo aver integrato anche Instagram nel suo network, da la possibilità di raggiungere non solo gli utenti della sua piattaforma ma anche tutti coloro che non si sono mai registrati ad essa.
Facebook è in grado di raccogliere informazioni e creare un profilo degli utenti non Facebook attraverso i molti plugin che sono utilizzati in siti esterni ad esso.
Andrew Bosworth, vicepresidente Ads e Business Platform di Facebook, dichiara infatti: “Avete detto per anni che le pubblicità che vi proponiamo sono fastidiose, distraggono o sono ingannevoli. Pensiamo di poter fare meglio ed è per questo che vogliamo migliorare gli annunci pubblicitari sia su Facebook che fuori Facebook.

Fate bene attenzione: “…dentro e fuori Facebook.”

L’obiettivo, sempre secondo le dichiarazioni di Bosworth, è offrire una migliore esperienza relativa alle pubblicità online per tutti: le persone, gli editori, i pubblicitari.

Molto di ciò che usufruiamo online, continua Bosworth, è supportato dagli introiti pubblicitari e sembra così invitare ad un compromesso: non usate certi sistemi di ad blocking, ci pensiamo noi a filtrare le pubblicità per voi, secondo i nostri stringenti standard e le vostre preferenze.

Troppa pubblicità in FB? Ora scelgi tu cosa vedere

Da oggi quindi Facebook dà ad ogni suo utente la possibilità di esprimere le proprie preferenze in fatto di pubblicità da ricevere. Mediante una nuova voce di menu sarà possibile fare un opt out.

Le nuove impostazioni, disponibili da oggi all’interno delle impostazioni di ogni account utente, permetteranno di fare opt-out (quindi di bloccare) degli annunci non graditi sia che compaiono dentro Facebook, sia che vi vengano proposti visitando siti esterni.

Facebook vorrebbe così permettervi di eliminare il fastidio di certe pubblicità che compaiono a volte, diciamolo, quasi a tradimento e che hanno portato molti utenti ad usare sistemi di ad blocking.

Tuttavia la parte più importante dell’annuncio odierno è quella forse meno evidente: Facebook sembra voler cambiare la sua natura e proporsi non più solo come un social network, che si sostiene con la pubblicità da erogare ai suoi utenti, ma come una agenzia pubblicitaria online, capace di raggiungere ogni utente sul web.

In concorrenza diretta con Google, quindi, alla conquista del resto del web, anche attraverso sconti che probabilmente saranno offerti per chi scelga la loro piattaforma per fare pubblicità.

Siete curiosi di scoprire come si presentano le nuove impostazioni?

Vi basterà aprire le impostazioni del vostro profilo personale.

Troverete la voce “Inserzioni in base alle mie preferenze”

pubblicità

Da qui, cliccando sul pulsante “visita le preferenze relative alle inserzioni” Facebook vi presenterà una schermate in cui, in base a tutte le azioni fatte in passato (mi piace, adesione a gruppi, per dire alcune azioni), sono elencate le categorie di annunci pubblicitari che potrebbero esservi proposti.

Ecco un esempio di questa schermata:

pubblicità

 

I numeri indicano le sottocategorie e, come vedete, possono essere molto numerose. Trattandosi di un opt out sarà certamente laborioso e lungo il lavoro di spulciarle tutte e negare il consenso.

Tenendo conto che, per ciascuna voce, Facebook vi spiegherà perché vi mostra quella categoria di annunci e vi propone di aderire ad altre categorie correlate!

pubblicità

 

E se non avete un profilo Facebook? Per ora niente da fare: Facebook leggerà l’assenza del cookie che identifica ogni suo utente come un via libera per analizzare gli altri cookie presenti nel vostro dispositivo e creerà un profilo di annunci da mostrarvi basato su quelle informazioni.

fonte: http://www.ninjamarketing.it/