Da Digital 2016, l’analisi di We Are Social sui dati disponibili emerge a livello complessivo che dati di utilizzo della rete sono, come prevedibile, in crescita rispetto al 2015, quando per esempio erano 3 miliardi le persone ad accedere a internet (contro i 3,4 miliardi di oggi, con una penetrazione – sul totale della popolazione mondiale – del 46%, nel 2015 era del 42%). Sempre nel 2015 gli account attivati sui canali social erano poco più di 2 miliardi (oggi il dato supera i 2,3 miliardi).

Nell’edizione 2016 emerge quindi che il numero di utenti internet totali è cresciuto del 10%; così come sono aumentati di 219 milioni di unità (pari al +10%) gli utenti attivi sui canali social. In salita del 4% (+141 milioni) le persone che usano dispositivi mobile, ma il dato maggiormente in crescita riguarda il numero degli utenti che accedono a social media da dispositivi mobile: +17% pari a 283 milioni di persone in più.

L’analisi relativa al tipo di dispositivo che si utilizza per connettersi, molto chiaramente, come si tenda a usare sempre meno il computer (-9%) e sempre più lo smartphone (+39%). I ricercatori rilevano che è anche interessante notare come sia diminuita la fruizione da tablet (+5%), a testimonianza del fatto che il suo utilizzo è sempre più diverso da quello cui si era abituati da computer. Mentre l’utilizzo di app sostituisce la navigazione da browser.

Altri trend interessanti emregono nell’analisi dell’utilizzo delle piattaforme social: Facebook è di gran lunga il canale social maggiormente utilizzato (oltre 1,5 miliardi di utenti attivi). È in enorme crescita l’uso di servizi di instant messaging, con WhatsApp in testa con i suoi 900 milioni di utenti, contro i 600 di 12 mesi fa), mentre Facebook Messanger ha superato gli 800 milioni (erano 500 milioni nel 2015); Snapchat ha raddoppiato la sua base utenti, passando da 100 a 200 milioni.

Fin qui lo scenario internazionale, quello italiano evidenzia la maggior crescita alla voce utilizzo di canali social da dispositivi mobile: l’anno scorso erano 22 milioni gli account ad accedere da smartphone, oggi sono 24 milioni.

La penetrazione dei dispositivi digitali in Italia indica una diffusione del 95% di telefoni mobili di tutti i tipi, del 62% di smartphone, del 65% di computer (laptop e fissi), del 21% di tablet, gli e-reader sono al 3%, mentre i dispositivi digitali indossabili sono a un misero 1%.

È cresciuta del 5% la percentuale di persone che accedono a internet da mobile, rispetto alla popolazione totale, e del 3% quella di accessi complessivi (quindi desktop + mobile): è interessante notare come il 79% di chi accede a internet lo faccia ogni giorno, mentre soltanto il 5% dichiara di farlo almeno una volta al mese.

La piattaforma social più usata in Italia è Facebook, seguita da WhatsApp e Facebook Messanger. Instagram passa, invece, a una penetrazione del 12% (contro il 6% del 2015).

Fonte articolo: www.engage.it & wearesocial.com